8 settembre 2014

Arabeschi del mare: mousse di trota con perle nere


C'è una cosa che cerco costantemente nella vita: la coerenza. E spesso c'è di mezzo il mare.
E' difficile agire discostandosi poco dal pensare, ma per me è una specie di pratica zen, c'è chi medita e chi si esercita con la coerenza. 
Coerenza significa anche rispetto; ci vuole coerenza per allinearsi al Sè interiore e fare emergere quello che realmente siamo. Prima l'ascolto e poi la coerenza nel portare avanti le scelte in autonomia.
Sto scrivendo in un blog di cucina e non ho ancora digitato una riga che parli di cibo. Ma questo è un tentativo per cercare di spiegare quello che sta accadendo e che state vedendo negli ultimi mesi: un vero e puro delirio di alici che volano, di acqua di cozze intrappolata in un parallelepipedo  e di risotti che volevano essere una birraOrmai mi annoio a ribadirvi il concetto e chissà se un giorno succederà anche a me di utilizzare per un set un'asse di legno sverniciata o una posata vintage
Questa volta dalla capsula in cui mi rifugio a meditare (alias la doccia) è uscito questo mix di mandala tibetani e centrini della nonna; per restare in tema di pratiche zen, sappiate che ho impiegato più di mezz'ora per posizione le piccole uova nella forma che vedete. 
E' ormai dichiarato: sento un bisogno impellente di mangiare con gli occhi. 


Arabeschi del mare

per la Mousse di trota bianca
2 filetti di trota bianca
un piccolo scalogno
100 ml di panna fresca
un pizzico di sale
pepe bianco
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

50 gr di uova di lompo 

10 Risette “Riso Scotti” (Rice Design)

Pulire e tagliare sottilmente lo scalogno. Farlo appassire in una padella con l’olio facendo attenzione a non farlo bruciare. Aggiungere i filetti di trota bianca lasciando la pelle a contatto con la padella, salare poco e pepare. Coprire con un coperchio e abbassare la fiamma fino a completa cottura. Fare intiepidire. 
Togliere la pelle alla trota, controllare la presenza di eventuali piccole spine e frullare la polpa insieme allo scalogno. Aggiungere la panna poco per volta fino ad ottenere una mousse morbida. Spalmare la mousse sulle Risette e aggiungere mezzo cucchiaino di uova di lompo.

(*) Può essere consumato come antipasto ma anche al posto di un pranzo leggero. E' una proposta economica perché la trota bianca si trova ancora ad un buon prezzo e le uova di lompo sono accessibili. Se volete variare la cromia, potete usare le uova rosse di trota. Le risette assorbono molto l'umidità della mousse quindi andrebbero preparate poco prima di essere servite. Una fetta di pane tostato invece garantisce una maggiore resistenza.

35 commenti:

  1. Ti sei superata!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!la seconda in particolare...sembra la copertina di un catalogo di opere d'arte moderna (di quelli belli ovviamente)
    Ti prego fai una serie di questi capolavori che io me li appendo in casa ^_^
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SBAM! (svenuta dopo aver letto il tuo commento E-TU-SAI-PERCHE'-E-NON-TE-LO-RIPETO-PIU) :-)

      Elimina
  2. Ti prego, non cambiare strada, perché io ho bisogno di vedere "altro", quel "al di fuori delle mode" che non si vede da nessuna parte!
    Che commento egoista il mio!! :P
    Comunque asciale perdere le assi verniciate e continua così, sempre e solo sulla tua strada, perché hai una gran bella testa!
    Stupende stupende stupende queste foto, amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eli, tu sei la mia soul blogger perché se fossi più vicina (chilometricamente) potremo parlare senza emettere alcun suono...
      PS: la verità è che non sono mai riuscita a trovare assi consumate decenti ;-)

      Elimina
  3. Sei di un altro pianeta. E non perché tu sia... vegana. Mi hai ricordato le trasferte a Offida, con le signore fuori dall'uscio a fare il tombolo. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ecco vedi che ho o ragione quando scrivo di centrini della nonna?

      Ho capito solo in questo cosa significa 'vegana', pensavo ti riferissi ad una persona che non mangia prodotti animali e mi chiedevo cosa c'entrasse un altro pianeta. Che stordita! :-)

      Elimina
  4. Ed è proprio questo tuo esserw che fa la differenza tra il tuo e gli altri millemila blog di cucina!❤️

    RispondiElimina
  5. riesci sempre a stupirmi ma stavolta sono davvero senza parole!!!!!! te non sei umana :D un abbraccione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Fede, forse non lo sono per davvero ;-)

      Elimina
  6. mado'...
    che marca è la tua doccia, che me la procuro anch'io???
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha Cri, se vuoi ti faccio fare un giro :-)
      Un bel abbraccio

      Elimina
  7. Ecco perché io non ti tiro fuori queste meraviglie , non ho la capsula!
    Scherzi a a parte tu sei un genio e me lo confermi ogni volta.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lory, inizio a pensare che la mia doccia sia come il binario 9 e 3/4 di Harry Pottter! :-)
      Grazie belé :-*

      Elimina
  8. Sei un genio e cone tanto tanto senso estetico.
    Semplicemente fantastico.

    RispondiElimina
  9. Roberta, tu sei..... oltre, davvero.
    un piacere leggere i tuoi post e vedere i tuoi "deliri", stupenda!
    Sandra

    RispondiElimina
  10. Un'opera d'arte, non mi viene altro da aggiungere.
    Quando passo di qui trovo cibo per gli occhi e per l'anima, e mi sento subito più leggera.
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, sul 'cibo per gli occhi' ci sto lavorando... ;-)
      Un abbraccio e grazie per essere passata!

      Elimina
  11. Mi inchino!
    qui ho scoperto un altro mondo.
    E qui pianterò le tende.
    Anna

    RispondiElimina
  12. Io la capsula ce l'ho ma mi manca il tuo genio! Piacere di scoprirti oltre l'aifb a cui sto facendo tanta pubblicità!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverò anche a mettere la testa nel lavandino, magari riuscirò a trovare nuovi spunti. Grazie per essere passata da queste parti. :-)

      Elimina
  13. Ecco, ricordi la nostra disquisizione sul fatto che basta "cambiare il punto di vista"? Ecco, di dicesti a me che ero quasi zen, e poi mi fai ste cose?
    Per inciso, paté e uova di lompo è anche una ricetta BN di dovesaitu: ma mooolto più normaleeeee!
    E comunque, sempre, tu stimo lo sai vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Cinzia, e sai che tu resterai la mia zen-amica !!! E non vedo l'ora di vedere 'dovesoio' :-)

      Elimina
  14. te lo avevo detto che arrivavo!! Io ho uno strano rapporto con la coerenza, non che non la apprezzi anzi.. è una dote che amo e che quando ero più giovane perseguivo ed elogiavo con tenacia, però mi son trovata ad affrontare situazioni e persone per cui la mia coerenza doveva cambiare.. forse evolversi, sono arrivata quindi alla mia personale conclusione che la coerenza non sia per tutto, a volte preferisco cambiare idea ecco! Anche per quanto riguarda il blog sono un pochino così, ma questo dipende dal fatto che io ho gusti molto trasversali, adoro lo stile rustico e le tavole di legno e non perché sono di moda penso, ma amo anche lo stile pulito, innovativo. Questo perché adoro sperimentare, mi annoio facilmente e cerco nuovi stimoli quindi non amo fossilizzarmi in uno stile ma voglio provare nuove strade. Ci sono invece persone che trovano la loro strada e decidono che è solo quella che vogliono seguire, è comunque uno stile ed è anche una fortuna! Detto tutto ciò, credo che tu ad ogni post migliori se ancora è possibile. Sei cibo per la mia mente, sei anche un'ottimo stimolo un'ispirazione, e per questo ti ringrazio tanto!!! come dice Elisa, rimani così perché comunque vedere cose diverse è sempre bellissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Tiz, hai perfettamente ragione sulla 'mobilità' del cambiamento e io sono la numero uno. Quando parlavo di coerenza mi riferivo al fatto di essere 'coerenti' non il proprio sentire interiore, ovunque ci porti e qualunque cambiamento esso faccia. Sarebbe bello trovare la propria strada, io ci provo :-) Grazie e un abbraccio

      Elimina
  15. Qui da te ci si rifà sempre gli occhi! Un gioco di bicromia pazzesco, e devo dire che anche il gusto ci guadagna.. adoro la trota e, anche se fanno un po' capodanno anni '80 (e io amo gli anni '80), non disdegno affatto le uova di lompo :)

    Bellissime foto, ma non te lo devo dire io ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah Giulia, hai ragione! Sarà perché per me gli anni '80 sono stati mitici e un po' li rimpiango.
      Il prossimo post farò un bel piatto di pasta con il salmone e la vodka ;-)
      grazie i complimenti. Un abbraccio

      Elimina
  16. Non ho parole, è un capolavoro! Non passavo da un pò per via della mia stramaledettissima connessione, non riesco più a navigare come una volta e, credimi, ti ho pensata spesso. Sei una vera forza! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Mari!! Io manco da un po' dalle tue parti, ho mille cose da fare e mi resta poco tempo per passare, ma ritornerò :-)
      un bacione

      Elimina