26 maggio 2012

Riso extracomunitario

Periodicamente mi nasce forte la curiosità di conoscere il mio albero genealogico.
Purtroppo oltre ai nonni (che non ho mai conosciuto a parte la nonna paterna) non sono in grado di risalire, pertanto mi toccherà convivere con la curiosità di sapere quali siano le mie origini. Tuttavia nessuno mi toglie dalla testa che qualche mio avo - o magari io stessa in una vita precedente, perchè chissà mai che abbiano ragione i Buddhisti sul tema della reincarnazione - deve aver vissuto in qualche parte ad Oriente dove l'uso delle spezie è assai più diffuso rispetto a quello che ne fa la cucina italiana. Ovviamente anche nei nostri piatti le spezie e le erbe danno quel tocco in più alla preparazione: chi di noi non apprezza l'origano sulla pizza, il basilico nella passata di pomodoro, lo zafferano nel risotto alla milanese, la cannella nello strudel o le bacche di ginepro che macerano con la selvaggina. Ma le spezie, a mio avviso, nella nostra cucina sono come una pennellata di colore in un quadro già belle che finito, diciamo la cosiddetta ciliegina sulla torta; invece nella preparazione dei piatti di una parte del mondo (Asia e Africa prevalentemente) le spezie ne caratterizzano e ne determinano il sapore  diventando a mio avviso il punto centrale, il fuoco, attorno a cui ruotano tutti gli altri ingredienti. Probabilmente la vastità e la qualità di materie prime e di lavorati che affollano il territorio italiano, fa sì che non sia stato necessario aggiungere ai nostri piatti ulteriori sapori, per lo stesso motivo per cui quando si beve un té o un caffè pregiato non si aggiunge nulla al sapore naturale della bevanda. Ma grazie al mio lontano parente o alla suddetta precedente vita, ogni volta che incappo in qualche ricetta o in qualche idea che prevede l'uso delle spezie, le mie papille gustative si attivano, l'olfatto si sintonizza sulla modalità 'ON' e come se fossi spinta da un ordine che arriva dall'inconscio, allineo sul piano della cucina tutti i barattoli delle spezie della mia dispensa, ne apro i coperchi e ad occhi chiusi resto in attesa dell'ispirazione.
La cosa davvero incredibile è che l'olfatto è un potente evocatore molto più della vista; non appena mi arriva nelle narici un odore conosciuto, la mente corre alla ricerca del ricordo dell'evento e del luogo a cui quell'odore appartiene. Ed è per questa ragione che quando ho particolarmete voglia di viaggiare, mi piace usare qualche spezia come se fosse una polvere magica che mi permette di raggiungere in una frazione di secondo un luogo remoto del mondo. Qualche giorno fa mi sono imbattuta in questo riso: un concentrato di spezie che regalano al piatto un netto gusto esotico, praticamante un biglietto di 1° classe con destinazione l'Oriente.


Questa preparazione non è solo un concentrato di sapori e odori, ma anche una tavolozza di colori: il bianco del riso basmati, il rosa del salmone, il giallo-aranciato della curcuma, il giallo paglierino dello zenzero, il verde delle bacche del cardamomo, il marrone intenso e cupo dei chiodi di garofano e l'ocra della cannella. Un'insieme di spezie che si abbracciano come in un girotondo intorno al mondo. Io amo le spezie e vorrei ricambiare il loro gentile tocco dando a loro la giusta importanza nella mia cucina. Le vie delle Spezie, delle Erbe, del Sale, del Té e dell'Incenso furono percorse da carovane di commercianti che per affari trasportavano preziosi carichi da una parte all'altra del mondo come le piccole formiche trasportano preziose scorte di cibo nelle loro tane, contaminando con semi e polveri le cucine di tutto il pianeta.
Vi consiglio il film "Un tocco di zenzero", dove le spezie sono la base e il pretesto per raccontare una storia. E per concludere, vi sarei grata se nei commenti che vorrete lasciarmi, potreste magari indicarmi libri, film, ricette e magari qualche bel negozio in cui vi siete imbattuti in cui le spezie sono le protagoniste indiscusse. Vi aspetto Spice Girls (e anche boys)!! :-)


Riso Speziato
per 2 persone

270 gr di riso Basmati
150 gr di filetto di salmone fresco
mezza cipolla bianca
1 piccolo spicchio di aglio
200 ml di latte di cocco
20 gr di burro
1 pezzettino di zenzero fresco
la punta di un cucchiaino di curcuma
la punta di un cucchiaino di peperoncino in polvere
1 seme di cardamomo
mezzo bastoncino di cannella
1 chiodo di garofano
1 ciuffo di coriandolo (o in alterantiva una spolverata di prezzemolo)
acqua calda qb 
sale

Prendete il riso e lavatelo ripetutamente sotto l'acqua corrente, poi lasciatelo a bagno in acqua fredda per circa 1 ora. Pelate lo zenzero. Soffriggete la cipolla, lo zenzero e l'aglio tritati con il burro per un paio di minuti poi unite tutte le spezie (ricordatevi che il cardamomo va estratto dal semino e pestato). Fate insaporire per un minuto.
Aggiungete il salmone tagliato a dadini, insaporite per circa 3-4 minuti, poi unite il riso scolato facendolo tostare per circa 2 minuti.
Versate il latte di cocco e circa 200 ml di acqua calda, salate leggermente, chiudete con un coperchio e fate cuocere a fiamma bassa senza mai aprire e fino al completo assorbimento del liquido (di solito occorrono 12-15 minuti in ogni caso meglio lasciare il riso leggermente indietro di cottura per evitare che scuocia; nel caso in cui il riso dovesse asciugarsi troppo, aggiungere poca acqua calda). A cottura ultimata spegnete il fuoco, regolate di sale e lasciate riposare coperto per alcuni minuti. Servite cospargendolo con il coriandolo tritato (o poco prezzemolo).

64 commenti:

  1. Roberta, come sai anche io amo molto le spezie per cui questo riso mi colpisce dritta al cuore. Ancora una volta di consiglio Dona Flor, ti si apre un mondo di aromi a noi sconosciuti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio sogno sarebbe quello di aprire un polveroso (già all'apertura) negozio di spezie, tè e sali. Dona Flor è già nel carrello di Amanzon. Smack

      Elimina
  2. Le spezie sono davvero un sogno...ti ci vedo in quel negozietto polveroso :)
    "Opium" di Fermine (profumo di tè e atmosfere magiche in tutto il libro)
    poi ne ho letti tanti ma non mi vengono in mente i titoli...se li trovo ti scrivo :)
    Bacioni!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao tesorina, grazie mille per il suggerimento per il libro da leggere, lo prenderò sicuramente. E per quanto riguarda la bottega: ho cominciato ad accumulare la polvere, il resto si vedrà :-) Bacioni

      Elimina
  3. ma che belle foto! brava roberta :)
    molto brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Babs, grazie grazie e ancora grazie... !!

      Elimina
  4. Questo riso speziato mi stuzzica assai! e concordo con babs, le foto sono superlative! E pure la storia che ci hai raccontato. Ottimo post. Grazie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Benedetta, ti ringrazio per i complimenti, dietro ad un post c'è sempre 'na faticaccia...!! ;-) un abbraccio

      Elimina
  5. Io ho cominciato a "collezionare" spezie da un paio d'anno credo. Non ci stanno più in cucina. Cardamomo, cardamomo nero, senape nera, ajwan, asafetida, cumino, carvi, fava tonka, coriandolo, eccetera eccetera eccetera... Adoro la cucina indiana, potrei mangiarla per giorni consecutivi senza stancarmi...e quando mi metto a tostare le spezie mi sento così a mio agio... Si lo ammetto, mi sento molto poco italiana per i miei gusti alimentari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valina, ma che piacere incontrare un'altra 'maga delle spezie' trapiantata in Italia. Da questo punto di vista sono in sintonia con te: potrei mangiare indiano per diversi pasti consecutivi. Prima o poi mi piacerebbe essere ospite della tua cucina! ciaooo

      Elimina
  6. Che bello il tuo post! Mi è piaciuto tantissimo leggerlo! E che spettacolo di ricetta e di foto! ^_^
    Conosco il film di cui parli: lo adoro e lo guarderei mille altre volte! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisa!! Il film l'ho visto proprio per la parola 'zenzero' nel titolo e la lezione di G-ASTRONOMIA è davvero poetica... Un abbraccio

      Elimina
  7. Io ti potrei consigliare un paese intero ;-))))) Ottima ricetta e fantastiche foto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto!! Grazie ai tuoi post sulla Thailandia, avevo già deciso dove andare in vacanza quest'estate. Fai un carico di spezie quando torni eh!! :-) Un bacione

      Elimina
  8. Bonjour! Ti scrivo prima di mettermi all'opera in cucina (oggi un vero e proprio tour de force!)... il libro che ho letto è "PROFUMO DI SPEZIE PROIBITE"
    di Priya Basil (qui puoi trovare la trama http://www.edizpiemme.it/libri/profumo-di-spezie-proibite, è un romanzo, ma mi è piaciuto molto, ruotava intorno alla vita di una donna che amava cucinare con le spezie... E poi io le spezie adoro comprarle nei miei viaggi (infatti se ci fai caso nei miei posto ci metto sempre la provenienza se arrivano da lontano! :)). Un bacio grande! vado perchè mi chiamano per il caffè... e poi mi chiameranno sicuramente le pentole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sere carissima, grazie per il consiglio letterario, lo inserisco nella lista dei desideri. BACIIII
      PS: se ti chiamano, tu non rispondere :-P

      Elimina
  9. Rob!!! ho letto il tuo risotto in macchina, col cell.. ma non mi faceva commentare.. grrrr e invece io fremevo dalla voglia di dirti quanto mi piacciono le cose speziate, che sanno d' oriente, di caldo, di paesi lontani, di preghiere e di silenzi.....
    bello bello bello...
    p.s.: io ti do un nonconsiglio. non comprare la maga delle spezie.. a me non è piaciuto un granchè.... meglio affidarsi ai titoli qui sopra va....
    un abbraccione tesoro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signore!! Vi confermo di aver già letto la Maga delle Spezie e a parte alcuni scampoli, non mi ha proprio fatto strappare i capelli.
      Serene cara, c'ho le spezie nel sangue, a quanto pare anche tu...

      Elimina
  10. Ecco mi unisco al non-consiglio qui sopra... non leggere, o meglio, non aspettarti granché da "la maga delle spezie" troppo macchinoso e a tratti noioso.
    Salvo invece questa ricetta profumata, sostituendo il latte di cocco che non mi piace moltissimo con del latte di soia. E rimani connessa perchè domani ti posto una cosina speziata che ti piacerà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari, ma sai che il latte di cocco neppure si sente nel riso? Attendo nuova ricetta speziata!! Baci

      Elimina
  11. bello e buonissimo!!! Adoro queste ricette così profumate!
    il negozio che più mi è rimasto nel cuore (l'ho beccato aperto una sola volta, sigh!) è questo, a Londra... per gli indirizzi italiani mi affido alle altre Spice girls ;)

    http://www.thespiceshop.co.uk/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il link!! Partirò per Londra alla ricerca della Spezia (come il protagonista del film "Dune") :-) Ciaoooo

      Elimina
  12. a me le spezie piacciono tantisimo sara'anche grazie ai miei viaggi che me li hanno fatto amare.sai mio fratello si era impaliinato con la ricerca genalogica e alla fine e'venuto fuori che in un lontanissimo passato lávo di mia padre era un bambino abbandonato di origine sconisciute e la mia fantasia vaga ad un rapporto magari non legale con qualche nobile...si sa la fantasia umana!ottima ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vuoi vedere che il tuo avo è pure il mio?! Sarebbe fantastico avere una cucina di millesimo grado come te :-) Un abbraccio

      Elimina
  13. Cara Roberta, qualche tempo fa ho avuto modo di assistere ad una conferenza di Jean Michel Carasso che è una sorta di guru in fatto di spezie in cucina. Se ne hai voglia, puoi dare un'occhiata al suo blog, Cucinare lontano. Credo che potrai trovare spunti molto interessanti. Fammi sapere che te ne pare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carissima Clara, ottimo suggerimento!! Ho dato un'occhiata al sito di JM Carasso e ho già addocchiato alcuni piatti interessanti e molto evocativi :-) Grazie mille per il prezioso suggerimento.

      Elimina
  14. Cara Roberta, il tuo post, come il tappeto magico delle mille e una notte, mi ha fatto evadere per un momento in paesi lontani..grazie.
    Anche io come te adoro le spezie e le erbe aromatiche e oltre ai profumi, colori e sapori mi affascina scoprirne sempre anche le recondite proprietà terapeutiche. E questo tuo strepitoso riso di proprietà ne ha tantissime, con la curcuma antinfiammatoria e disintossicante, lo zenzero digestivo, il cardamomo antisettico...e mi fermo anche se si potrebbe continuare all'infinito :)
    Proverò la tua ricetta e guarderò sicuramente il film da te consigliato ;)
    Ps io di solito non lavo il riso per non perdere parte dei principi nutritivi e piccola chicca che ho scoperto ad un corso: con la giusta quantità di acqua il riso non scuoce, il rapporto tra liquidi e riso è matematico e finiti quelli la cottura si ferma e si può lasciare tutto cosi anche a pentola chiusa addirittura per giorni (segreto che usano nei ristoranti per i risotti). Lasciando troppo la pentola sul fuoco al massimo brucia il fondo, ma il riso non scuocerà mai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti invidio, ti invidio, ti invidio.... il riso fotografato è stato tra i primi che mi riesce alla perfezione; lo lavo perchè ho letto che in questo modo evita l'effetto risotto. Ma dimmi, o donna che mi giunge in soccorso, qual è la GIUSTA QUANTITA' DI ACQUA per avere un riso che non scuoce mai?! Ti pregoooo!!! Ti sarò per sempre debitrice :-)

      Elimina
    2. Calma calma calma, non mi sopravvalutare :D Ok, mi sento pronta a rivelarti il quinto mistero di fatima:
      il rapporto riso/liquidi tendenzialmente è di uno ad uno, ma (c'è sempre un ma) dipende dai risi (quindi siamo punto e a capo muhahah). Io, dopo svariate prove, sono giunta alla conclusione che per esempio per il basmati il rapporto è uno (riso) a due (liquidi) mentre per il thailandese 1 a 1,2. Almeno su quelli che uso io..sugli altri devo ancora sperimentare.
      Ovviamente ci si riferisce a risi non lavati (nel lavato una parte di acqua l'avrà già assorbita quindi il rapporto sballa) e con cotture pilaf (nel risotto senza coperchio c'è la componente evaporazione). Questo significa che comunque il rapporto è matematico quindi se metto metà liquidi il riso cuocerà a metà e potrò continuarne la cottura anche il giorno dopo aggiungendo la seconda metà di liquido (come fanno nei ristoranti quando preparano un risotto in 5 minuti) oppure il 60 o 70% e così via.
      Tra l'altro, una volta individuato il liquido giusto, posso partire da acqua fredda, acqua calda, cottura in forno, cottura in pentola che nulla cambia, finiti i liquidi la cottura del riso si ferma.
      Per quanto riguarda invece il lavaggio del riso onestamente anche io lo faccio per il sushi (ma vorrei provare a non farlo), mentre per gli altri tipi mi sono resa conto che non cambia granchè quindi ho smesso.
      Beh che dire, alla fine non è che ti ho salvato purtroppo, ti toccano comunque una serie di esperimenti :) Mi hai però dato l'idea per un post, devo ragionarci :)

      Elimina
    3. Altra variabile da verificare sarà anche la marca del riso che si compra (forse non tutti i Basmati sono uguali al 100%). Cmq anche io per il Basmati faccio 1:2 e spengo il riso un pochino prima, lo lascio riposare per 10 minuti. E allora avanti con gli esperimenti.. :-)

      Elimina
    4. Ecco vedi, alla fine ne sai quanto prima :D

      Elimina
  15. Che bel post!!! Ora non mi viene in mente nulla da consigliarti, sono troppo presa dalle tue descrizioni e dalla tua ricetta profumatissima. Chiudo gli occhi e mi lascio andare, potrei svenire dietro un aroma, un profumo. Grazie! E complimenti per le foto, sono stupende, perfette, essenziali, come piacciono a me:))
    Ti abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabi!! Attendo prossimamente un tuo suggerimento, magari un bel post sul tuo blog tutto spezioso ;-) Un abbraccio

      Elimina
  16. gran belle foto il riso cosi valorizza un pasto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gunther, un riso così me lo mangerei a tutti i pasti!:-)

      Elimina
  17. robi, ti ho copiato il bottone del translate, spero non ti dispiaccia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sono offesa a morte! :-P
      Figurati, prendi tutto quello che vuoi dal mio blog!! ehehehehe

      Elimina
    2. oohhhh allora posso prendere anche il tuo logo che mi piace tanto?? :D

      Elimina
    3. va beh, ma solo perchè sei tu eh! ;-)

      Elimina
  18. Più ti leggo e più trovo dei punti in comune fra noi. Anche riguardo la situazione nonni e origini siamo lì.
    PS Per me doppia porzione di riso.
    PPS Foto troppo belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu albero genealogico 'cortissimo'? Praticamente io ho un bonsai :-)
      PS: grazie!

      Elimina
  19. Io adoro le spezie con i lori profumi e colori !!!! Ho un anta della credenza solo per quelle! Non potrei farne a meno pensa che ad una fiera ho trovato tre tipi di curry di cui uno thai che e' speciale!!!! Il tuo riso e' divino :-) un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ombretta, e allora mi piacerebbe venire a curiosare nella tua cucina perchè tre tipi diversi di curry meritano tutta la mia attenzione! :-) Un abbraccio

      Elimina
  20. Roby hai mai provato a passare in qualche negozio del commercio equo? Non hanno tantissima varietà di spezie, ma ci sono almeno 4 o 5 diversi masala indiani. O curry? Non mi è ancora chiarissima la differenza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, ho messo il naso in più negozi etnici e equo ma sarò stata sfortunata perchè ho trovato più spezie alla Coop!! (PS: curry e masala paiono un pò la stessa cosa, sono insiemi di spezie). Grazie per il consiglio!

      Elimina
    2. Oh grazie a te! Farò un salto io alla coop allora :)

      Elimina
  21. Più ti guardo, ehm , più ti leggo e più mi piaci, dato che dobbiamo conoscerci potremmo farci un viaggetto nel posto che chiamano Oriente alla ricerca di qualcosa di sfizioso.
    le tue foto sono spettacolari, belle, bellissime davvero!E anche la presentazione del piatto è meravigliosa!Credo proprio di doverti conoscere moooooooooooooolto meglio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sì, conosciamo e partiamo!! :-) Ma sai che bello: un viaggio con le food blogger alla scoperta dei sapori....altro che 'Donna Avventura'!

      Elimina
  22. le foto ovviamente le fai tu...io assaggio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...prima si parte e poi...troviamo qualcuno che scatti mentre noi ci godiamo i saporti :-)

      Elimina
  23. Il mondo delle spezie orientali è per me davvero poco conosciuto, mi piacerebbe molto approfondire... quindi grazie per averci regalato questo post stupendo! Un bacio! ...

    ah! dimenticavo, le foto sono davvero bellissime! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...tutto iniziò dal peperoncino...alla fine approdai al cardamomo e sono solo all'inizio! :-) Grazie Lizzy, i tuoi complimenti mi stimolano a fare sempre meglio. Baci

      Elimina
  24. ciao cara!!! io di spezie ne ho tantissime ma sinceramente non le uso tanto quanto te!! pensa che ho il caradamomo da un anno e non l'ho ancora provato!! se passo da qui però prendo lezione e magari ne farò un uso più assiduo!!! un grosso bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciauuuuu!!! Ma come?! Hai fatto prigioniero inlcardamomo nella tua dispensa?! Avanti con le spezie, io le mangerei anche a colazione .-) Un bacione

      Elimina
  25. Cara ROberta, hai ragione per quanto riguarda l'olfatto. E' la mia macchina del tempo, in grado di riportarmi immediatamente in luoghi lontanissimi e le spezie sono incredibilmente potenti ad attivare questo meccanismo della memoria.
    Questo riso mi intriga tantissimo. Ho tutte le spezie elencate e mi hai fatto venire voglia di provare. Quella seconda foto mi ha ipnotizzata. Assolutamente magnifica. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pat!! A parte il fatto che assomigli tantissimo ad una mia amica che si chiama Patrizia (non è che sei tu?) e tutte le volte che ti leggo mi sembra di parlare con lei... leggo che anche tu hai la tua macchina del tempo 'personale' :-) Se provi il riso fammi sapere!! Per quanto riguarda le foto...beh, i tuoo complimenti mi fanno davvero tanto, ma tanto piacere :-) Bacioni

      Elimina
  26. Questo riso e' bellissimo.... e dire che fino a poco tempo fa non usavo spezie, adesso invece le apprezzo moltissimo! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. so che tu in cucina fai grande cose, ti seguo da tempo e ho avuto modo di apprezzare tantissimo quello che proponi; adesso con l'aggiunta delle spezie, sarà ancora più interessante leggerti!! Un abbraccio a toi!

      Elimina
  27. i titoli che dai ai tuoi post strappano davvero un sorriso!!! sono più che mai azzeccati e simpatici!!! questa ricetta è di una paricolarità e delicatezza...e anche io adoro le spezie, mi hai ricordato che ultimamente le sto usando poco, devo rimediare e mi segno la tua ricettina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheh!! Pensa che i titoli mi vengono in mente solo quando sono sotto la doccia ;-)
      Le spezie sono per me la cosa più importante che c'è in cucina e questo riso ne raccoglie un bel po' tutte insieme. Buona serata

      Elimina
  28. Wow, passo di qui per la prima volta, ed il tuo blog mi ha catturata.Belle foto e storie che si fanno ascoltare.Questo post poi mi coinvolge molto perchè amo l'oriente e le spezie.Il mio primo blog si chiamava le maghedellespezie...Questo riso lo proverò
    a presto e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ADORO le spezie!! Sai che ci parlo? Proprio come nel libro 'La maga delle spezie'! :-) Grazie per i complimenti e fammi sapere se proverai il riso. Buona serata

      Elimina
  29. Ciao, noi abbiamo una passione immane per le spezie e tutto ciò che è ''straniero''..

    Ci uniamo con piacere ai tuoi lettori e se ti fa piacere passa da noi e unisciti :)
    Bacioni !!

    http://duecuorieunapadella.blogspot.it/

    RispondiElimina